Prima uscita pubblica per gli irpini eletti in Parlamento nel Movimento Cinque Stelle, di fatto la più nutrita deputazione della provincia tra Camera e Senato, «ma con il Rosatellum – dice subito il deputato Carlo Sibilia -, altri se ne potrebbero aggiungere a questo tavolo». Occasione per ringraziare i numerosi elettori che anche nel nostro territorio hanno decretato il successo dei Cinque Stelle, e per rilanciare subito la sfida, intenzionati a far partire, parallelamente alla nuova attività parlamentare, anche una campagna di coinvolgimento dei cittadini in vista delle prossime amministrative soprattutto nella città di Avellino.


«Il fuoristrada non va in garage, ma il rally continua a camminare per andare da tutti i cittadini che in questi due giorni dalla data storica del voto ci hanno scritto perché ci vogliono incontrare – annuncia Carlo Sibilia – e nel fine settimana saremo ad Ariano. Dopo aver affrontato la grande avventura di questa campagna tra Irpinia e Sannio, torneremo anche a Caposele, Sant'Angelo dei Lombardi, Ceppaloni, Morcone e intendiamo sollecitare il lavoro per costruire liste civiche del Movimento per le prossime amministrative. Chiederemo un impegno in particolare per la città capoluogo, perché la prossima sfida – puntualizza - è quella di maggio ad Avellino».

Gubitosa Pallini 06032018 1
Anche Maria Pallini, eletta alla Camera nel collegio proporzionale, dopo aver definito storico il risultato del voto, dichiara: «Il progetto più grande che metteremo in atto sono le amministrative per permettere alla città di Avellino di avere un governo a Cinque Stelle», mentre Sibilia aggiunge: «Sono gli stessi cittadini che devono mettersi in gioco. Oggi hanno, però, un’alternativa credibile e vincente e penso che questo sia un incentivo in più per chi intende dare una mano al nostro progetto».
Quello da realizzare a livello nazionale, ribadisce il deputato appena rieletto, trova i suoi capisaldi nel reddito di cittadinanza e nel taglio agli sprechi e rispetto all’incarico di governo Sibilia afferma: «Sta alla sensibilità del Presidente della Repubblica comprendere a chi concedere il mandato esplorativo, dopodiché si faranno tutti i passaggi istituzionali del caso. Noi non ci tiriamo indietro e vogliamo la responsabilità di governare questo Paese».

Sibilia Primo piano 06032018 1
Parlando alla stampa riunita nella Sala Lilla dell’Hotel de la Ville, il parlamentare al suo secondo mandato condensa in tre parole sentimenti e atteggiamenti dei Cinque Stelle e accosta alla «responsabilità, nei confronti del Paese e delle istituzioni», anche l’umiltà e la felicità. «L’umiltà sarà fondamentale – dice – per non ripetere gli errori commessi dalle altre forze, ma anche da noi in passato, visto che siamo gli esecutori di un progetto nei confronti dei cittadini. C’è poi un sentimento di grande felicità perché, comunque lo si guardi, questo momento rappresenta una svolta epocale. C’è stato un voto di estrema libertà e di estremo coraggio da parte dei cittadini per un cambiamento totale e si è spalancata una porta per il futuro. La scelta degli elettori fa sì che tutto ora sia differente e che sicuramente sarà migliore».

Maraia Primo piano 06032018 1
«In queste elezioni è venuto fuori un urlo di dolore da parte del sud – commenta poi Generoso Maraia, vincitore per Camera nel collegio uninominale Alta Irpinia-Ariano -, in particolar modo per l'oppressione di questi anni e per la gestione di queste terre, ma anche una richiesta di aiuto nei confronti di una nuova classe politica che mette a disposizione le proprie competenze, con la forza di fare squadra. Essere stati scelti dagli elettori non potrà che cementificare la collaborazione che c'è stata fin qui. Quello che abbiamo chiesto è stato un voto maturo, per raggiungere e sorpassare il 40%, e la nostra forza è stata ascoltare le persone, gli amministratori, essere aperti e rigettare in questo modo la definizione di movimento che si chiude ed esclude, di setta. Questo è stato percepito – continua – e il progetto di vincere e mandare a casa la vecchia classe politica è stato superato con la creazione di una nuova classe politica. Noi non promettiamo posti di lavoro – dichiara -, ma di scrivere la nuova agenda dell'Irpinia e del Sannio e di portarla in Parlamento».

Gubitosa 9999
Maraia non nasconde, inoltre, che il successo ottenuto è stato «molto emozionante, anche per la mia storia familiare e per gli avversari con i quali mi sono confrontato», dice prima di dedicare il risultato elettorale «a mio padre e ai suoi operai dell'ex Isochimica, sperando che il processo ritorni ad Avellino».
Molto soddisfatto, naturalmente, anche Michele Gubitosa, neodeputato eletto nell’uninominale di Avellino: «Il messaggio del Movimento Cinque Stelle è passato e in maniera forte e abbiamo la grande responsabilità di essere all'altezza del compito che i cittadini ci hanno affidato. Aver avuto la loro fiducia per cambiare le cose ci dà gioia e responsabilità, ma da un mese stiamo dicendo che la gente è stanca e che ci sarebbe stato anche un 10% di voti di persone che magari non lo dichiaravano in campagna. Sapevamo che la nostra terra era stanca e non ne abbiamo avuto che la conferma e in provincia è stato abbattuto il vecchio sistema. Personalmente, non abbiamo niente contro nessuno – aggiunge -, ma abbiamo un progetto politico nostro per un futuro diverso e ne abbiamo mandato a casa uno che ritenevamo sbagliato. Ora sono certo che riusciremo a dare risposte alla nostra terra».
«Certamente non siamo come politici che dopo il voto spariscono – assicura -, ma ci faremo vedere, saremo presenti sul territorio e creeremo delle strutture per farci portavoce delle sue istanze».

Grassi Primo piano 06032018 1
«Ci aspetta un compito duro per realizzare gli obiettivi indicati dal Movimento Cinque Stelle in campagna e sui quali le persone hanno riposto le loro speranze - afferma poi il neosenatore Ugo Grassi -. Per il Senato hanno votato 107.293 persone e io avverto la responsabilità nei loro confronti, perché l’incredibile risposta dell'elettorato, che come detto è stata un urlo di dolore, è un segnale politico che deve essere tenuto in conto».
«La nostra intenzione è, quindi, lavorare per il rilancio dell’istruzione, con un impegno per le zone depresse dove la percentuale di abbandono è ormai inaccettabile – continua - per favorire il ritorno di chi è andato via. Tutto ciò che abbiamo detto in campagna non erano vuote promesse, ma corrispondono al nostro progetto e io ho già detto tutto nelle scorse settimane. Adesso – conclude Grassi - sono impaziente di fare: non vedo l'ora di impadronirmi dei meccanismi parlamentari per trasformare in fatti tutto ciò che abbiamo detto fin qui».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Mostly cloudy

22°C

Avellino

Mostly cloudy
Humidity: 57%
Wind: NNE at 28.97 km/h
Wednesday
Thunderstorms
17°C / 25°C
Thursday
Thunderstorms
18°C / 24°C
Friday
Thunderstorms
17°C / 24°C
Saturday
Partly cloudy
17°C / 23°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore