Inizia una nuova sfida per il Gal Irpinia. Obiettivo puntato sulla creazione del Distretto Rurale che rientra a pieno titolo nei punti strategici delineati dal Gruppo di Azione Locale presieduto da Vanni Chieffo.


Al via un ciclo di incontri, dal titolo “Il distretto rurale nel territorio delle acque – I paesaggi dell’Irpinia”, che intende avviare una riflessione su questo importante strumento di programmazione di sviluppo locale attraverso una carrellata di scenari che rappresentano importanti step del percorso di individuazione del distretto stesso.
Si inizia domani, venerdì 22 novembre, alle ore 18.00, presso la Casa della Cultura di Aquilonia. Focus sullo scenario naturalistico e dell’accoglienza.
Dopo i saluti di Giancarlo De Vito, sindaco di Aquilonia, ci sarà l'introduzione di Vanni Chieffo, presidente del Gal Irpinia. A seguire la relazione di Angelo Scaperrotta, esperto di animazione e sviluppo territoriale. Previsti gli interventi di Franco Ricciardi, sindaco di Monteverde, Comune capofila del Contratto di Lago Aquilaverde, di Roberto Mazzei, delegato di Coldiretti Campania, di Michele Masuccio, presidente Cia Avellino, di Francesco Melillo presidente Confocooperative di Avellino, di Filippo Diasco, direttore generale DG Politiche Agricole, Alimentari e Forestali della Regione Campania Le conclusioni saranno affidate a, Maurizio Petracca, presidente della Commissione Agricoltura della Regione Campania e all'europdeputato Andrea Cozzolino. A moderare i lavori Nicola Giordano, coordinatore del Gal Irpinia.
Interessate al progetto e desiderose di dare un contributo sono le organizzazioni di categoria presenti sul territorio.
«La prospettiva del distretto rurale – commenta Roberto Mazzei, delegato di Coldiretti Campania – è di grande interesse e rilievo per i territori vocati all’agricoltura. Bene fa il Gal Irpinia ad avviare questo iter anche attraverso azioni di animazione e sensibilizzazione territoriale. La possibilità di tenere insieme territori omogenei per attività, tessuto produttivo e sociale, economie è senza dubbio meritoria, anche alla luce delle nuove opportunità contenute nella programmazione comunitaria futura. Come Coldiretti seguiamo con interesse l’iter, daremo il nostro contributo e ci impegneremo affinché questo strumento possa incrociarsi con gli altri già presenti ed attivi sul territorio e possa produrre effetti realmente positivi in termini di reddito e di occupazione».
«Non possiamo che salutare con entusiasmo – dichiara Michele Masuccio, presidente della Cia di Avellino – l’avvio del percorso per l’individuazione del distretto rurale in una delle aree oggettivamente più vocate all’agricoltura dell’Irpinia. E’ per questo che sosterremo con convinzione l’iter, non facendo mancare il nostro contributo che è il contributo di chi opera sul campo, di chi ha scelto la ruralità come dimensione occupazionale e di realizzazione della propria vita. Il nostro auspicio è che, considerata proprio la specificità di questo pezzo di territorio, si promuovano, all’interno della cornice del distretto, progetti relativi alla promozione, allo sviluppo e al sostegno della zootecnia, delle cerealicoltura con particolare riferimento ai foraggi. Quello della distretto rurale è una sfida che deve coinvolgere il territorio in tutte le sue articolazioni. L’unità e la coesione renderanno proficui ed utili i risultati che sicuramente arriveranno».
«Il riconoscimento del distretto rurale - dichiara il Presidente del Comitato territoriale di Avellino – Confcooperative Campania, Francesco Melillo - come motore per la valorizzazione delle risorse naturali ed anche sociali dell’Irpinia è un percorso che la cooperazione sta vivendo con attenzione ed entusiasmo. Il ruolo delle Organizzazioni di rappresentanza della cooperazione per la promozione dei distratti rurali è riconosciuto dalla legge regionale, e non è un caso. La cooperazione in Irpinia svolge un ruolo importante per la tenuta del welfare, per lo sviluppo dell’agricoltura e dell’agroalimentare e per l’implementazione, anche grazie alle cooperative di comunità, di servizi, facendo da freno allo spopolamento delle aree interne. Auspichiamo che la realizzazione del distretto rurale possa consolidare questa mission primaria della cooperazione, con azioni e politiche territoriali di cui possano beneficiare le comunità locali e il tessuto imprenditoriale”.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore