Una volta trascorsi i tempi tecnici per le operazioni bancarie, i lavoratori dell’Aias riceveranno finalmente le quattro mensilità arretrate oggetto dell’accordo raggiunto a maggio (leggi qui) per l’erogazione di parte delle spettanze non corrisposte dalla onlus al personale fin dal mese di giugno del 2017.


«Nel tardo pomeriggio di ieri il Gip ha firmato l’ok per lo sblocco delle somme sui conti sequestrati e domani il decreto del giudice sarà notificato dalla Guardia di Finanza ad Asl e Aias. Questo permetterà di emettere il bonifico che è già pronto». È quanto spiega il segretario generale della Fp Cgil, Marco D’Acunto, al termine della riunione del tavolo convocato nel pomeriggio in Prefettura da cui emerge un ulteriore dato positivo.
«È stato anche chiuso l’accordo per una quinta mensilità – spiega infatti D’Acunto -, grazie all’accantonamento, anche in questo caso previa autorizzazione della magistratura, di ulteriori 135mila euro che l’Asl deve corrispondere all’Aias».
Una buona nuova in più, soprattutto per i dipendenti delle due strutture altirpine che, prestando ancora servizio pur senza percepire gli stipendi da un anno, erano in stato di agitazione dal 21 giugno scorso (leggi qui): «Questo evita lo sciopero che era stato preventivato nei due centri di Nusco e Calitri», afferma in proposito D’Acunto, che tuttavia aggiunge: «Abbiamo delle perplessità su alcune questioni. A Calitri da qualche giorno si lavora senza corrente elettrica – afferma - e le strutture non hanno più il direttore tecnico, cosa che pone qualche problema rispetto all’accreditamento, anche se è l’Asl che deve rendersi conto di quello che sta accadendo – precisa -, noi su questo non possiamo intervenire».
«Inoltre – continua -, stiamo ancora aspettando che l’Asl mantenga gli impegni assunti al tavolo in Prefettura rispetto alla formalizzazione dei contratti aggiuntivi alle strutture che hanno dato la loro disponibilità. Questo passaggio, atteso entro il 30 giugno, ad oggi non è stato ancora perfezionato e non ci convince la spiegazione che ci è stata data in via informale al tavolo dal direttore amministrativo dell’azienda sanitaria, Ferdinando Memoli. Aspetteremo le prossime ore e verificheremo».
Sui ritardi nella sottoscrizione dei contratti per i tetti di spesa il sindacato si confronterà con i lavoratori per valutare eventuali iniziative. Un eventuale accoglimento delle motivazioni della onlus da parte del Tar, che ha fissato l’udienza per il ricorso presentato dalla struttura commissariale del centro Aias di Avellino per il prossimo 11 luglio, potrebbe non equivalere a una immediata ripartenza delle attività riabilitative presso il centro di via Morelli e Silvati, per cui D’Acunto rileva che «molto probabilmente l’esigenza di avere questi contratti aggiuntivi con le altre strutture resta».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
SP_WEATHER_BREEZY

11°C

Avellino

SP_WEATHER_BREEZY
Humidity: 48%
Wind: NE at 46.67 km/h
Thursday
Partly cloudy
10°C / 20°C
Friday
Sunny
12°C / 22°C
Saturday
Mostly sunny
14°C / 23°C
Sunday
Partly cloudy
12°C / 18°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore