Si è tenuto questa mattina, presso la sede del Consiglio regionale della Campania, un incontro sulla vertenza Ipercoop di Avellino. Su convocazione dalla presidente Rosetta D'Amelio, erano presenti: i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl, una delegazione di lavoratori, i consiglieri regionali irpini, il presidente della commissione Attività produttive Nicola Marrazzo, l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri e all’assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore.


«Già nei giorni scorsi avevo incontrato i dipendenti in sciopero davanti al punto vendita Ipercoop di Avellino – dichiara Rosetta D’Amelio – e avevo assunto l’impegno a convocare in tempi brevi un incontro in Consiglio regionale con gli assessori competenti per la materia».
«Come è noto – continua - la Regione Campania non è direttamente coinvolta in questa vertenza, tuttavia non potevamo restare indifferenti alle richieste dei sindacati e dei 138 lavoratori a rischio licenziamento. Per questo motivo, l’assessore Palmeri ha dato disponibilità a procedere alla convocazione della parte imprenditoriale e, in raccordo con l’assessore Lepore, alla richiesta di apertura di un tavolo di crisi presso il ministero dello Sviluppo Economico».
«Più in generale - conclude la presidente D’Amelio -, siamo al lavoro in commissione Attività produttive per l’individuazione di forme di salvaguardia dei livelli occupazionali nel settore del commercio e della grande distribuzione».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Partly cloudy

16°C

Avellino

Partly cloudy
Humidity: 61%
Wind: NNE at 35.40 km/h
Wednesday
Partly cloudy
8°C / 20°C
Thursday
Sunny
10°C / 20°C
Friday
Scattered showers
12°C / 18°C
Saturday
Scattered showers
15°C / 19°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore