«Sono soddisfatto per la stabilizzazione delle 30 lavoratrici in virtù dell’accordo sottoscritto lo scorso giugno che abbiamo fortemente voluto. Ora lavoreremo perché anche le altre lavoratrici in somministrazione con maggiore anzianità possano essere assorbite nell’organico della casa di cura. Questo resta un obiettivo, anche in considerazione dei pensionamenti già avvenuti e di quelli prossimi».

Così il segretario generale della Fp Cgil Marco D’Acunto, dopo la firma del contratto presso la clinica del Gruppo Malzoni "Villa dei Platani", formalizzata il 29 dicembre per 30 lavoratrici precarie.
Un momento molto atteso, che segna il passaggio all’assunzione a tempo indeterminato per dipendenti che hanno prestato servizio presso la stessa azienda anche da 15 anni e include, inoltre, alcune lavoratrici in congedo di maternità quando è stata siglata l’intesa, al termine di una lunga trattativa. Motivo di maggiore soddisfazione, la parola mantenuta dall’azienda che si trova in regime di concordato preventivo e che al 31 dicembre 2015 ha inoltre corrisposto gli oneri previsti dal concordato: vale a dire tre mensilità a cavallo fra gli anni 2014 e 2015, il premio di produttività per il 2015 e l’indennità di mensa per lo stesso periodo.
Ulteriori novità nel Gruppo potrebbero giungere in merito a una cessione di ramo d’azienda alla Diagnostica Medica di via Nazionale Torrette, che sarà oggetto di discussione con le organizzazioni sindacali domani 3 gennaio.

Commenta l'articolo

© Riproduzione riservata

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore