Dimensionamento scolastico e Piano dell’offerta formativa 2019/2020, la Regione con delibera di giunta del 4 dicembre 2018 istituisce a Calabritto: IIS Maffucci di Calitri - Sezione staccata di indirizzo Tecnico Tecnologico-Agraria, Agroalimentare e Agroindustria articolazione Produzioni e trasformazioni.

L’istituto sarà inizialmente ubicato presso un’ala della scuola dell’infanzia e successivamente - una volta sistemata l’ex scuola elementare (per cui è già stato stanziato un finanziamento regionale di 2,1 milioni di euro), nella quale saranno trasferite la scuola primaria e secondaria di primo grado - l’agrario traslocherà nell’attuale istituto scolastico di Via San Vito: l’intera struttura ospiterà le attività della nuova scuola superiore, con annesse aree verdi.
«Ringraziamo il presidente Rosa D’Amelio per essersi impegnata a favore di questa battaglia importantissima per il nostro paese - commenta il sindaco Gelsomino Centanni -. Siamo convinti che le potenzialità di un istituto agrario sono enormi per il rilancio di questo territorio. Auspichiamo iscrizioni da tutta la Valle del Sele e dell’Alta Irpinia, considerati gli sbocchi professionali che si possono avere. Ringrazio il dirigente scolastico prof. Gerardo Vespucci, il suo collaboratore prof. Giustino Raimato, il Consiglio di Istituto, i sindaci di Calitri, Caposele e Senerchia, per aver collaborato fattivamente alla riuscita di questa iniziativa. A breve insieme incontreremo i sindaci dei comuni della zona per illustrare il progetto e promuovere le iscrizioni».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore