Dal 26 al 29 maggio prossimi, Piazza Umberto I di Atripalda sarà una delle mille piazze italiane nelle quali si svolgeranno momenti di formazione e di confronto sul tema delle energie pulite. Il progetto “Salviamo il respiro della terra” si propone di diffondere la conoscenza ed il corretto utilizzo delle energie rinnovabili. L’iniziativa curata dall’associazione Anter, rappresentata dall’instancabile opera del suo ambasciatore Carlo Scarpa,...

sulla scorta del successo del progetto formativo “Il sole in classe”, che lo scorso anno ha coinvolto 600 istituti scolastici, tra cui Atripalda, vedrà ancora una volta protagonisti gli alunni dell’istituto comprensivo De Amicis/Masi.
l via il giorno 26 a partire dalle ore 10, si svolgeranno manifestazioni dedicate, giochi che coinvolgeranno i ragazzi e i loro genitori. L’invito a scendere in piazza è inoltre rivolto a tutti i cittadini attivi, che non vogliono rimanere spettatori inermi del tragico evolversi climatico che sta subendo il pianeta, ma rendere più consapevoli le istituzioni e tutta la popolazione, sulla data “del punto di non ritorno” che si sta avvicinando e che molti studi scientifici battezzano nell’ ormai prossimo anno 2030. Gli ambasciatori e i delegati di Anter per evitare la crisi climatica, che ricadrà sulle giovani e future generazioni non hanno dubbi occorre un’azione immediata ed incisiva per “Salvare il respiro della Terra”.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy
Sunny

28°C

Avellino

Sunny
Humidity: 35%
Wind: SSW at 17.70 km/h
Sunday
Scattered thunderstorms
19°C / 31°C
Monday
Mostly sunny
18°C / 26°C
Tuesday
Sunny
17°C / 25°C
Wednesday
Sunny
16°C / 27°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore