“L’ufficio del Genio civile deve rimanere ad Ariano Arpino. Così vogliono i cittadini, così ha deciso il Tar e così si è pronunciato il Consiglio regionale. Il tentativo della Giunta, attraverso l’Avvocatura Regionale della Campania, di appellare la sentenza del Tribunale Amministrativo è antieconomico oltre ad essere palesemente lesivo dell’indirizzo politico espresso dal Consiglio Regionale”.


Così il consigliere regionale Gianpiero Zinzi che, accogliendo le sollecitazioni provenienti dal territorio avellinese, ha presentato un’interrogazione indirizzata all’assessore regionale all’Ambiente Fulvio Bonavitacola avente ad oggetto “Genio Civile di Ariano Irpino”.
“Stiamo parlando di un ufficio che ha un carico di lavoro elevatissimo ed è ubicato in un'area strategica esposta a grandi rischi e calamità. È giusto che la sede resti ad Ariano”.
Il consigliere Zinzi interroga Bonavitacola per conoscere "quali iniziative di ordine politico e amministrativo la Giunta intenda porre in essere per salvaguardare tanto l’esistenza del Genio Civile di Ariano Irpino (esigenza che pure non appare secondaria) quanto per garantire e tutelare la libera, autonoma e sovrana manifestazione di volontà politica espressa dal Consiglio Regionale le cui determinazioni (espressione diretta della volontà popolare regionale) non possono in alcun modo essere sovvertite o ignorate dall’Amministrazione e dall'apparato burocratico regionale".

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Mostly cloudy

28°C

Avellino

Mostly cloudy
Humidity: 51%
Wind: SSW at 28.97 km/h
Monday
Thunderstorms
18°C / 24°C
Tuesday
Mostly sunny
18°C / 28°C
Wednesday
Sunny
19°C / 28°C
Thursday
Mostly sunny
20°C / 28°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore