I Carabinieri della Stazione di Montefredane hanno tratto in arresto un 22enne del posto, ritenuto responsabile dei reati di evasione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.


I fatti si sono svolti nella mattinata di ieri a Capriglia Irpina. Al “112” è giunta la segnalazione di una lite in famiglia: una pattuglia della locale Stazione è stata tempestivamente inviata presso l’abitazione segnalata.
Appena giunti i militari hanno visto il giovane, noto detenuto domiciliare, che stava scavalcando la finestra dell’abitazione stabilita per la fruizione del beneficio di legge; avvicinato ed invitato a mantenere la calma, per tutta risposta si è scagliato contro di loro verosimilmente al fine di impedirgli di accedere in casa dove lo stesso poco prima, per futili motivi, aveva aggredito il fratello convivente, anch’egli sottoposto al regime di detenzione domiciliare, provocandogli ferite con arma da taglio ed escoriazioni varie medicate sul posto dal personale sanitario.
Con non poca fatica i Carabinieri sono riusciti a bloccare l’esagitato evitando, grazie alla loro prontezza di riflessi, ben più gravi conseguenze.
In un contesto di piena sicurezza e scongiurata dunque la possibilità di gesti inconsulti, il 22enne è stato condotto in Caserma e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, dichiarato in d’arresto e trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinnanzi al Tribunale per essere giudicato con la formula del rito direttissimo.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore