Prosegue l’azione dei militari del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino quotidianamente impegnati nella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità. Questa volta, a finire nella rete degli uomini dell’Arma, alcuni parcheggiatori abusivi di Avellino, già noti alle Forze dell’Ordine, che effettuavano l’illecita attività nel pieno centro del capoluogo irpino.


Nello specifico, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino, durante un mirato servizio per contrastare il tale fenomeno, hanno tenuto sotto osservazione sia le zone molto trafficate che quelle nelle vicinanze di locali ed uffici pubblici. Militari in borghese ed in divisa, hanno effettuato degli appostamenti, osservando sempre la stessa scena: l’automobilista parcheggia la sua auto ed il “professionista della sosta” si avvicina e chiede la “dovuta tassa” in cambio di un “parcheggio sicuro”.
Bloccati e generalizzati, nei loro confronti sono state elevate sanzioni tra i 1.000 ed i 3.000 euro.
Oltre alla sanzione amministrativa prevista dall’art. 7 comma 15 bis del Codice della Strada, i trasgressori sono stati segnalati alla locale Prefettura e sottoposti all’ordine di allontanamento a seguito di accertamento dell’illecito amministrativo. L’attenzione dell’Arma per il contrasto ai parcheggiatori abusivi rimane comunque alta e tali servizi continueranno anche nei prossimi giorni nell’intera provincia.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Cloudy

18°C

Avellino

Cloudy
Humidity: 90%
Wind: S at 11.27 km/h
Sunday
Partly cloudy
14°C / 23°C
Monday
Mostly cloudy
15°C / 22°C
Tuesday
Partly cloudy
15°C / 22°C
Wednesday
Mostly sunny
16°C / 23°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore