Continua l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, finalizzata a contrastare l’ormai dilagante fenomeno di coltivazione di marijuana in terra irpina. Questa volta l’opera ha consentito di interrompere l’attività di coltivazione di stupefacenti organizzata in un terreno privato da un 25enne del luogo che è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria.


Nello specifico, a Bonito, i Carabinieri della Stazione di Mirabella Eclano, a conclusione di mirati servizi, hanno rinvenuto e sequestrato 25 piante di cannabis, con un’altezza media di circa m. 1,5 e recanti infiorescenze.
Tale coltivazione è stata effettuata all’interno di un terreno agricolo: l’indagine svolta dai militari operanti ha permesso di accertare che il giovane, già noto alle Forze dell’Ordine, aveva la disponibilità del fondo.
Alla luce delle evidenze raccolte, per il giovane è scattata dunque la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento in quanto ritenuto responsabile di detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti.
L’opera di prevenzione e repressione delle attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, ha dunque dato nuovi risultati. Il positivo esito di tali operazioni di servizio è anche frutto della profonda conoscenza del territorio dei militari dell’Arma.

© Riproduzione riservata

Etichettato sotto

Commenta l'articolo

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy
Rain

11°C

Avellino

Rain
Humidity: 89%
Wind: SSW at 35.40 km/h
Sunday
Rain
2°C / 7°C
Monday
Mostly sunny
1°C / 6°C
Tuesday
Partly cloudy
0°C / 7°C
Wednesday
Partly cloudy
1°C / 7°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore