Due persone sono state denunciate dai Carabinieri della Stazione di Bagnoli Irpino (AV) per aver realizzato, una struttura abusiva destinata a deposito, in assenza delle autorizzazioni rilasciate. Prosegue, dunque, l’attività di contrasto posta in essere dai Carabinieri di Bagnoli che hanno continuato ad effettuare mirati controlli unitamente a personale dell’U.T.C. (Ufficio Tecnico Comunale) e della locale Polizia Municipale.


Nell’ambito di tali servizi, i Carabinieri di Montella hanno effettuato ulteriori verifiche finalizzate al contrasto dell’abusivismo edilizio controllando, nella circostanza, anche il rispetto delle norme in materia di sicurezza sui luoghi del lavoro e delle violazioni ambientali.
Nel corso di tali servizi, effettuati sempre unitamente a personale dell’U.T.C. e della locale Polizia Municipale, cadeva sotto la lente del personale operante una struttura in calcestruzzo con copertura in legno di una 20 di mq adibite a deposito, totalmente abusiva atteso che era stata realizzata in assenza di permesso a costruire.
Accertato l’abusivismo edilizio, i Carabinieri hanno avviato indagini per accertare le varie responsabilità, denunciando in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Capo Dott. Rosario Cantelmo, i due proprietari, una coppia di coniugi di Bagnoli ma residenti all’estero, che avevano realizzato la struttura “in economia”.
Avviata, inoltre, la procedura per la demolizione delle opere abusive.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore