L’Ufficio Territoriale del Governo comunica che con provvedimento adottato in data odierna, il prefetto di Avellino, Maria Tirone, ha sospeso il Consiglio comunale della città capoluogo, nominando il dott. Giuseppe Priolo, prefetto della Repubblica in quiescenza, commissario prefettizio per la temporanea gestione dell'ente, in attesa che si perfezioni la procedura di scioglimento avviata a seguito dell'approvazione da parte della maggioranza assoluta dei componenti del consiglio comunale, nella seduta del 24 novembre 2018, della mozione di sfiducia nei confronti del sindaco.

Contestualmente sono stati nominati anche due subcommissari, nelle persone della dott.ssa Silvana D'Agostino, viceprefetto vicario della Prefettura di Avellino con funzioni vicarie, ed il dott. Mario Tommasino,dirigente di seconda fascia in servizio presso il Ministero dell'Interno, già nominato commissario ad Avellino lo scorso agosto per la redazione del conto consuntivo 2017.
Da viceprefetto a Milano Priolo è stato nominato prefetto ad aprile 2016. Si è insediato come prefetto di Trapani a fine agosto del 2016 ed è andato poi in pensione a inizio agosto 2017.
In precedenza, ha svolto accertamenti ispettivi e accessi antimafia in diversi comuni calabresi, ha gestito in qualità di commissario vari Comuni sciolti (tra cui Rosarno, Bovalino, San Luca) e nel 2005 è stato commissario straordinario dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria.

 

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Mostly sunny

13°C

Avellino

Mostly sunny
Humidity: 42%
Wind: NNE at 8.05 km/h
Tuesday
Sunny
2°C / 8°C
Wednesday
Scattered showers
1°C / 10°C
Thursday
Scattered showers
5°C / 10°C
Friday
Mostly cloudy
6°C / 13°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore