Quello che suona come un estremo appello ai consiglieri di opposizione da parte del sindaco Vincenzo Ciampi non smuove la decisione del capogruppo di "La svolta inizia da te", Dino Preziosi, che conferma il voto alla sfiducia così come il suo giudizio negativo dell’operato della squadra di governo, a cui ha oltretutto ha segnalato più di un errore.

«Di quattro provvedimenti che la giunta ha portato in Consiglio – spiega Dino Preziosi -, il bilancio ho dovuto correggerlo con un emendamento, perché poteva esporci a conseguenze serie rispetto allo scioglimento del Consiglio; sul consolidato, tre giorni prima ho chiamato l’assessore alle Finanze a cui ho spiegato che alcune cose non andavano, tanto che poi c’è stato un aggiustamento trasformato in un emendamento in aula; ieri sera ho spiegato direttamente in aula che i debiti fuori bilancio non potevano essere deliberati e già prima avevo contestato la delibera per il Ferragosto oggetto di una pregiudiziale. Infine, ho segnalato stamattina al segretario generale la violazione dell’articolo 12 del Regolamento, se si fosse proceduto alla nomina dell’amministratore unico dell’Acs senza un preventivo passaggio in conferenza dei capigruppo. Insomma – dice -, credo di aver dato già troppo».
Si è infranto così, dunque, il tentativo di nominare Vincenzo Bacco, ispettore della Guardia di Finanza e già candidato alle scorse amministrative nella lista del Movimento Cinque Stelle, quale successore di Giovanni Greco (ancora bloccato suo malgrado nel ruolo di amministratore unico pro tempore della partecipata del Comune anche se ha rimesso da tempo la propria nomina nelle mani del sindaco) nell’assemblea dei soci convocata per questa mattina dal sindaco (in quanto socio unico della municipalizzata) e alla quale non a caso erano presenti tutte le parti in causa, incluso Bacco.
E anche da quest’ultima vicenda scaturisce quindi l’intenzione di Preziosi di intende andare fino in fondo: «La mia posizione resta la stessa, anche se avrei preferito che si discutesse prima del dissesto – precisa -, perché è giusto che i cittadini sappiano qual è la situazione delle casse comunali e le relative responsabilità. Ma è ovvio che siamo arrivati al punto che questo non è più possibile perché la mozione di sfiducia è calendarizzata e scade domani. D’altronde io rappresento un solo voto e non posso sconvolgere le sorti della mozione – aggiunge -, però è triste pensare che la città si troverà di qui a poco senza un governo stabile, che peraltro non c’era nemmeno prima, e con un dissesto da affrontare, perciò temo che la città di Avellino possa cadere in un baratro».
Preziosi, d’altra parte, sottolinea l’impossibilità di trovare un punto di convergenza con l’amministrazione, a cui si deve il tramonto dell’ipotesi di ritirare la mozione per ripresentarla successivamente alla discussione in aula della dichiarazione di dissesto finanziario: «All’inizio io e altri due capigruppo di opposizione eravamo d’accordo su questo – ricorda -, ma poi le cose sono precipitate e non certo per colpa nostra, ma per colpa di qualcuno che pensa di essere un leader e che però io paragono a un ragazzo che non ha la patente e va a sbattere con la macchina contro un muro, perché ha portato l’amministrazione a sbattere contro un muro, e inoltre ha talmente esagerato ed esasperato con le sue dichiarazioni che non c’è stato nemmeno il tempo di parlare e discutere».
«Ormai è troppo tardi – commenta, quindi, il consigliere -. Se avessero ascoltato quando, da persona che non ha mai chiesto niente, suggerivo di portare all’attenzione del Consiglio, non una ipotesi di governo di salute pubblica, ma dieci punti da realizzare per la città, ovviamente le cose – conclude - sarebbero andate diversamente».

 

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore