«Con l’assessore all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici, Rita Sciscio, e alcuni consiglieri comunali, ho preso visione del progetto di riqualificazione del Mercatone, facendo direttamente un sopralluogo sul posto. Innanzitutto, devo dire che aver assistito in prima persona all’indecente "spettacolo" di abbandono della struttura di via Ferriera, costata fior di soldi e lasciata marcire dalle amministrazioni precedenti, mi ha provocato un’amarezza enorme, in primis come cittadino: ho constatato da vicino quanta scarsa cura della cosa pubblica c’è stata in questa città negli anni passati. Oggi questo "mostro" in pieno centro potrebbe scomparire, per far posto a qualcosa di più funzionale. Nel progetto ho potuto notare diversi punti condivisibili, come ad esempio l’ampio numero di parcheggi disponibili, circa 500. Ci sarà spazio anche per un asilo comunale ed altri uffici sempre comunali».


Queste le dichiarazioni del sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, che stamattina, affiancato dal Rup Anna Freda, e con la presenza anche dei consiglieri Fabio D’Alessandro, Ettore Iacovacci e Adriana Percopo, ha visitato l’interno del Marcatone.
A illustrare loro i dettagli del progetto di riqualificazione e rifunzionalizzazione della struttura abbandonata da decenni il presidente dell’impresa Principe S.p.A., Biagio Vallefuoco, e gli ingegneri Rosa De Santis e Giovanbattista Musto, a pochi giorni dalla presa in consegna da parte dell’associazione temporanea di imprese composta dalla Principe e dal Consorzio Stabile Appalti Pubblici (Cosap), concessionaria del progetto di project financing della durata di 38 anni.
L’area sarà, infatti, cantierata lunedì prossimo, per la realizzazione di alcune opere relative alla sicurezza, la cui necessità è stata segnalata dallo stesso Comune in merito ad alcune lamiere che si stanno staccando a rischio di chi dovesse trovarsi all’interno della struttura. Se il Mercatone è in stato di completo abbandono da quando è in disuso, circa 30 anni fa, resta infatti comunque un luogo frequentato, come testimoniano i locali ancora oggi adibiti a dimora da senzatetto. Ma l’architetto De Santis spiega: «Capita anche che ci vengano dei bambini a giocare, quindi si tratta di un interventi necessari».
Le attività di cantiere vere e proprie inizieranno, invece, una volta ottenuti tutti i pareri preliminari già richiesti agli enti preposti, tra gli altri Asl e Vigili del Fuoco, e non appena la giunta avrà approvato il progetto definitivo che prevede una significativa trasformazione del complesso che entro al massimo un anno dall’avvio dei lavori (questa la tempistica del cronoprogramma stilato dal concessionario) coniugherà con l’iniziale vocazione commerciale un ruolo di interscambio rispetto alla mobilità nonché di spazio sociale, con un asilo nido e uffici ad esclusivo utilizzo del Comune e con l’apertura di un punto di ristoro e un bar pasticceria.
Ben otto, distribuite sui vari livelli, le superfici adibite a parcheggio con 444 posti auto in totale (di cui 17 riservati ai disabili mentre 18 saranno destinati alle due ruote), e per le quali si prevede la realizzazione ex novo di due rampe di accesso, in particolare alle aree di sosta dei livelli 2 e 1, dalla nuova piazzetta immaginata a largo Ferriera. Insieme al ripristino dei collegamenti esistenti con via San Leonardo, questo renderà il Mercatone accessibile da tutti i lati, incluso dal sottopasso.

GALLERIA FOTOGRAFICA (CLICCA SULL'IMMAGINE)


L’architetto De Santis spiega inoltre che saranno di nuova creazione i parcheggi coperti al piano terra, inizialmente non previsti, a servizio di un’attività di media distribuzione con una superficie di vendita tra i 1500 e i 2000 mq, dove già in precedenza la destinazione era quella commerciale.
«Avremo anche una attività di ristorazione di alta qualità – continua -, con la presenza di un marchio molto importante che opera anche all’estero, che occuperà uno spazio di circa 500 mq comprese le cucine: utilizzerà tutto lo spazio sotto la copertura che sarà una sorta di connettivo per l’intera struttura e che sarà caratterizzato da un gioco di luci a led che abbiamo elaborato con il nostro studio tecnico».
L’asilo nido, invece, occuperà circa 400 mq, ma c’è la possibilità di un ulteriore aumento di superficie, mentre «il progetto complessivo – spiega ancora la professionista -, trattandosi di un intervento di riqualificazione dell’esistente, non prevede alcun incremento di volumetria».
Il piano di realizzazione del progetto, come accennato, prevede tempi rapidi: «Contiamo di aprire il Mercatone in un anno, burocrazia permettendo – afferma infatti De Santis – e per questo, dall’avvio dei lavori, la struttura sarà approcciata nel suo complesso su più livelli, altrimenti in 12 mesi non potremmo farcela, e l’apertura – conclude - avverrà in una sola volta, non per step».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore