«Come è noto a tutti, non abbiamo avuto la possibilità di reperire fondi nell’immediato, in mancanza dell’approvazione della delibera che, tra le altre cose, autorizzava anche la manifestazione in ricordo di Giacomo Del Mauro e che avrebbe avuto copertura con fondi POC della Regione Campania. La somma che avevamo a disposizione, vale a dire 3.500 euro, è stata utilizzata per il pagamento della SIAE per i 40 eventi del Ferragosto avellinese. Vedremo di realizzare in futuro quello che non è possibile fare oggi, perché le risorse nella città non mancano e la presenza di persone come Salvatore Mazza, Mauro Del Mauro e Giuseppe Saviano lo dimostra».


La delegata alla Cultura del Comune di Avellino, Michela Mancusi, spiega così il "trasloco" dell’evento in programma lunedì prossimo (leggi qui) da piazza Libertà (dove si sarebbe dovuto tenere) al Circolo della Stampa e, nel ringraziare per la concessione gratuita degli spazi nella sede di corso Vittorio Emanuele, guarda comunque avanti. Per il prossimo autunno, Mancusi afferma: «Attendiamo le commissioni per lavorare insieme e aspettiamo che arrivino delle proposte – aggiunge -, avendo già avuto risposte da cittadini e associazioni».
Il tormentone, quindi, è sempre quello: "l’aula non ha approvato la delibera per il Ferragosto portata in Consiglio dall’amministrazione", malgrado in realtà sia stata invece approvata una pregiudiziale, che è cosa diversa. Ad ogni modo, soldi non ce ne sono, anche se, per ammissione del referente provinciale del Coni, Giuseppe Saviano, si sarebbe trattato di garantire «un microfono e centro sedie».
Una somma irrisoria, se paragonata al pagamento di cachet forse a tre zeri rispetto ai quali, alla fine, il Comune ha dichiarato la resa, e che magari si sarebbe potuta coprire agevolmente con i 160 euro raccolti attraverso la Money Box di Paypal, per non dire con il contributo promesso da parlamentari e amministratori del Movimento Cinque Stelle il 14 agosto scorso, ma immediatamente scomparso nel silenzio più assoluto.
Della «loro donazione per far sì che il Ferragosto avellinese si possa tenere» (leggi qui) non si ha infatti più notizia da quello stesso giorno e sulla circostanza nemmeno Mancusi proferisce verbo. Chissà quali saranno, se ce ne saranno, le parole e soprattutto gli atti su questioni (tanto per restare nel settore della cultura) come l’albo delle associazioni, che il percorso nelle commissioni "attese" da Mancusi lo ha completato nella passata consiliatura (leggi qui) senza però approdare mai in aula, oppure sul modello di gestione dell’ex cinema Eliseo (argomento altrettanto in sospeso, ma per certi versi già definito pure quello con l’individuazione della forma della fondazione di partecipazione, condivisa dal Consiglio a giugno 2013, leggi qui) o ancora in merito al tavolo permanente sulla cultura, promesso dal sindaco Vincenzo Ciampi nel corso della campagna elettorale di maggio, per giunta in occasione di un confronto con i candidati promosso dallo Zia Lidia Social Club di cui Mancusi è cofondatrice.
Sempre in un’ottica di programmazione, questo fa o dovrebbe fare la politica, bisognerà prima o poi porsi anche il problema del futuro del teatro "Carlo Gesualdo": è vero che da inizio maggio e per due stagioni teatrali la gestione artistica del Massimo cittadino è affidata al Teatro Pubblico Campano, ma due stagioni fanno presto a passare e, tanto più se si intende mantenere fede all’intenzione più volte preannunciata di dar vita a un reale cambiamento (rimasta fin qui senza esito), si dovrà pure individuare per tempo una soluzione che garantisca stabilità alla struttura culturale.
Intanto, sarebbe il caso di provvedere a garantire almeno il servizio di guardiania dell’ex Eliseo, giacché dal 22 luglio scorso il personale precedentemente addetto alle pulizie oltre che ad aprire e chiudere l’edificio storico non è più in servizio, essendo scaduta la convenzione con l’Acs. Circostanza che le dipendenti, una decina in tutto, hanno oltretutto già rappresentato più volte all’amministrazione comunale: in occasione del Consiglio con un presidio davanti a Palazzo di Città e ancora stamattina con la richiesta, caduta nel vuoto, di incontrare personalmente il sindaco.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy

Cannot get Avellino location id in module mod_sp_weather. Please also make sure that you have inserted city name.

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore