«Nessun apparentamento formale, anche perché la struttura del Consiglio è formata, ma sono disponibile al confronto perché ci può essere condivisione sui progetti». Il candidato a sindaco del centrosinistra Nello Pizza mette un punto fermo rispetto a una ipotesi di allargamento della coalizione e chiarisce anche che «la sfida è e deve essere tra me e Ciampi, sarà uno di noi a governare Avellino quindi la città non si facesse condizionare da altri personaggi».


Nello Pizza auspica quindi un faccia a faccia diretto con il suo avversario: «Mi piacerebbe confrontarmi con Ciampi, perché abbiamo visioni completamente diverse su alcune cose e penso sia giusto che la città si faccia un’idea per verificare qual proposta ritiene più giusta. Ma vorrei che il confronto avvenisse tra me e il candidato dei Cinque Stelle e non tra me e una coalizione – puntualizza -. È un argomento sul quale sono piuttosto sensibile, visto che in tutta la campagna elettorale mi è stato rimproverato il fatto che io potessi avere alle mie spalle dei padrini. Ma il dato oggettivo è che io mi sono sempre presentato da solo in tutte le occasioni, mentre il mio avversario si è sempre presentato accompagnato da tanti esponenti politici di rilievo anche nazionale».
Il candidato della coalizione di centrosinistra replica anche alle accuse giunte in particolare dal deputato Michele Gubitosa: «L’ipotesi di ingovernabilità non è un ricatto, ma un dato oggettivo. È evidente che c’è già una maggioranza costituita che sostanzialmente si riconosce sulla mia posizione e un altro sindaco non avrebbe la maggioranza in Consiglio. Ci sono 18 consiglieri già eletti nella mia coalizione e mi pare anche strano che si possa immaginare di poterli acquistare o convincere a passare dall’altra parte. Peraltro, si parla di moralizzare la vita politica e si è detto che i miei candidati erano impresentabili, mi sembra paradossale che oggi venga offerta una collaborazione proprio alle persone definite in quel modo. Non capisco inoltre perché quando i voti vengono dati a loro sono sempre liberi, quando vengono dati ad altri sono frutto di un ricatto. Chiedo agli avellinesi di fare attenzione, mettiamo un freno a questa spregiudicatezza che è vergognosa».
Ribadendo inoltre la propria autonomia, Pizza dichiara di avere un’idea della futura giunta, anche se attende il responso delle urne per renderla pubblica: «La giunta la sceglie il sindaco – dice - e nella mia mente è già formata, sia per le figure politiche, che ritengo debbano essere presenti, sia per quelle tecniche».
In vista del 24 giugno, con il rischio di un fisiologico calo dell’affluenza, Pizza rivolge il suo appello alla cittadinanza: «Mi auguro che i cittadini rispondano alla chiamata alle urne in modo massiccio».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Cloudy

18°C

Avellino

Cloudy
Humidity: 88%
Wind: S at 6.44 km/h
Wednesday
Thunderstorms
18°C / 25°C
Thursday
Thunderstorms
18°C / 25°C
Friday
Thunderstorms
20°C / 25°C
Saturday
Scattered thunderstorms
20°C / 28°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore