Gli esercenti del centro storico di Avellino lavorano ad un piano del commercio comunale, insieme al Comitato “Avellino Trasparenza e Partecipazione”. E’ quanto emerso dall’incontro avuto dal comitato stesso con alcuni commercianti del centro storico e con il gruppo "Centro storico Social District". Oggetto dell'incontro il rilancio del centro storico nel suo complesso: rilancio commerciale, culturale, turistico e urbanistico.

“In questo primo incontro – spiegano entrambe le parti - è emerso chiaramente che il centro storico è stato abbandonato a se stesso, evidentemente non ha fatto parte dell'agenda di Palazzo di città. La gestione dei rifiuti, l'illuminazione pubblica, i cantieri, la Dogana, la viabilità sono le principali note dolenti. Servizi assolutamente non degni di un Centro Storico di un capoluogo di provincia. Poi un capitolo a parte merita la tassazione locale particolare elevata. IMU, TARI, TASI, tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) a fronte di servizi inefficienti”. “Le parti hanno intenzione di rivedersi e, con spirito partecipativo e metodo trasparente, vogliono dare il proprio contributo per la predisposizione di un Piano del Commercio Comunale per pianificare, progettare e realizzare politiche attive di sostegno delle attività commerciali attraverso la valorizzazione del centro storico, la salvaguardia delle piccole attività commerciali, l'integrazione con le politiche culturali e turistiche del Comune”.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Clear

23°C

Avellino

Clear
Humidity: 52%
Wind: SW at 17.70 km/h
Monday
Thunderstorms
18°C / 25°C
Tuesday
Sunny
19°C / 27°C
Wednesday
Sunny
20°C / 29°C
Thursday
Mostly sunny
21°C / 30°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore