Il sistema di controllo sull’attuazione della raccolta differenziata, l’individuazione di uno spazio alternativo a Campo Genova per la creazione di una nuova isola ecologica, che sarà probabilmente l’area dell’ex macello a Borgo Ferrovia, la definizione delle aree in cui il personale di Irpiniambiente effettuerà lo sfalcio delle erbacce a ridosso delle strade in cui si occuperà dello spazzamento sono tra i punti salienti all’esame dei tecnici del Comune di Avellino e della società Irpiniambiente, che come previsto (leggi qui) si sono nuovamente incontrati stamattina a Palazzo di Città.


Come una settimana fa, presenti al tavolo anche l’amministratore unico della società Nicola Boccalone e l’assessore all’Ambiente Augusto Penna, deciso a far partire il nuovo piano entro l’estate, in modo da raggiungere quanto prima l’obiettivo del 65% di differenziata in città e assicurare da un lato una migliore vivibilità, dall’altro la tranquillità di non incappare nelle sanzioni che scatterebbero a fine anno in misura proporzionale alla differenza tra la percentuale di differenziata effettuata e appunto il margine del 65%.
Per la stessa ragione si è deciso di imprimere una accelerata al lavoro dei tecnici, che si sono infatti riaggiornati a qualche ora più tardi con il mandato di proseguire «a oltranza», dice l’assessore Penna, per chiudere il più celermente possibile la fase preliminare alla sottoscrizione del contratto che affida alla provincializzata la gestione della raccolta differenziata nella città capoluogo, fissando tutti i punti dell’accordo che si intende formalizzare a breve per attuare il piano altrettanto rapidamente. «La presenza mia e dell’amministratore Boccalone serve a sollecitare una convergenza tecnica – spiega l’assessore Penna – perché, visto l’appalto da 12.5mln di euro, anche piccole questioni si riflettono in termini di costi importanti, perciò è essenziale affrontare anche gli aspetti di natura tecnica».
Il fattore tempo è determinante, tenendo conto che il capoluogo è attualmente fermo al 35% di differenziata, percentuale che dovrà quasi raddoppiare entro il mese di dicembre, quindi l’auspicio dell’assessore è «che si possa partire prima l’estate» e in considerazione di questa esigenza è stata affrontata stamattina la questione dei controlli. «Poiché il nostro obiettivo è raggiungere e anche superare il 65% di differenziata e dal momento che il sistema porta a porta sarà esteso all’intero territorio cittadino e ci saranno ovunque biopattumiere e i carrellati condominiali - spiega Penna -, abbiamo introdotto delle premialità ma anche delle penalità per l’operatore e bisogna prevedere un sistema di controlli per la verifica anche della correttezza dei conferimenti da parte dei cittadini. Per i casi di rifiuti non conformi, perché conferiti con modalità sbagliate ad esempio rispetto ai giorni di raccolta prestabiliti, abbiamo proposto un sistema per cui l’operatore ecologico non ritira i rifiuti, ma appone un bollino sul contenitore per segnalare l’errore. C’è inoltre un controllo di secondo livello che il Comune effettuerà, invece, sulla modalità di esecuzione del servizio e sulla reale segnalazione dell’operatore al cittadino».
«Sia le biopattumiere, sia i carrellati condominiali saranno dotati di un codice identificativo del relativo affidatario che ne sarà il responsabile – prosegue l’assessore -. Nello specifico, per i carrellati condominiali, l’affidatario sarà l’amministratore di condominio, se nominato, o un delegato dagli altri condomini. In sostanza, un conferimento sbagliato da parte di uno solo dei condomini, ricadendo sull’affidatario, potrebbe poi essere spalmato sull’intero condominio in termini di sanzione e questo rende necessario che ci sia una catena di responsabilità, perché sarà interesse di tutti controllare che ciascuno faccia bene la raccolta».
In pratica, risulta già registrato chi ha ricevuto negli anni passati i contenitori di colori e dimensioni diversi destinati alla raccolta delle varie frazioni e già dotati di un codice, mentre ai residenti nelle zone in cui non è avvenuta la distribuzione dei recipienti e in quelle attualmente ancora servite dai cassonetti, dove il sistema porta a porta sarà attuato con l’entrata in vigore del nuovo piano, saranno assegnati codici ex novo.
Nel corso della riunione di oggi è stata, inoltre, discussa la creazione di un’isola ecologica: «Sull’area dell’ex macello c’è già un progetto del Comune per un Polo formativo e informativo sulla differenziata – ricorda Penna - e intendiamo integrarlo con l’isola ecologica, in maniera che non sia solo un luogo dove relegare i rifiuti speciali. Tra l’altro, essendo quell’area a confine con il territorio di Atripalda, si potrebbe pensare a un’isola ecologica di respiro sovracomunale ed è stato assegnato all’ingegnere Francesco Infantino di Irpiniambiente l’incarico di delineare una proposta in questo senso, per capire qual è il modo migliore per cominciare a organizzarla già adesso, per poi integrarla con il nostro progetto relativo al Polo».
«Ancora in sospeso anche la questione della pulizia – aggiunge l’assessore -, nel senso che si sta provvedendo a definire la planimetria relativa all’integrazione introdotta nel contratto per cui Irpiniambiente estenderà l’attività legata al decoro urbano, occupandosi oltre che del servizio di spazzamento delle strade anche della pulizia di alcune aree limitrofe in cui cresce l’erba in maniera indiscriminata e che possono essere ricettacolo di rifiuti. Dal punto di vista dell’impostazione del piano c’è tutto – chiarisce Penna -, ma occorre precisare bene i dettagli dell’operazione. L’idea è partire con il sistema di raccolta differenziata porta a porta appena chiusa questa fase e rinviare i servizi accessori dopo la definizione di aspetti che rispetto al grosso del piano sono secondari».

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy
Clear

21°C

Avellino

Clear
Humidity: 56%
Wind: SSW at 11.27 km/h
Monday
Partly cloudy
20°C / 34°C
Tuesday
Partly cloudy
19°C / 23°C
Wednesday
Scattered showers
18°C / 25°C
Thursday
Partly cloudy
17°C / 26°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore