Dovrebbe arrivare al vaglio della giunta nel giro di una settimana una delibera di indirizzo che, nel ribadire che la competenza relativamente alle aree chiuse di sosta è in capo alla società Azienda Città Servizi, demanda alla stessa partecipata di proprietà interamente comunale la pubblicazione del bando per l'affidamento degli spazi in cui fino al 24 ottobre scorso operavano le cooperative sociali di tipo B.

Benché il bando, a cui hanno lavorato congiuntamente il segretario generale del Comune Riccardo Feola e il comandante della Polizia Municipale Michele Arvonio, sia stato predisposto da tempo, così come le relative determine, queste ultime però sarebbero ferme in Ragioneria. Il motivo starebbe nel fatto che il Comune non ha inserito nel bilancio previsionale 2016 né un capitolo in entrata, relativo agli introiti derivanti dal pagamento delle tariffe della sosta nelle aree chiuse, né un capitolo in uscita relativo alle somme da corrispondere alle cooperative incaricate di gestirle e le voci in questione non sono state previste nemmeno come variazione entro il termine del 30 novembre.

In effetti, dal confronto tenuto ieri mattina fra il segretario Feola, il comandante Arvonio e l'amministratore di Acs Giovanni Greco, sarebbe emersa una richiesta del Comune a valutare la fattibilità di una gestione diretta da parte della municipalizzata, destinata tuttavia a quanto pare ad ottenere una risposta negativa, dal momento che la società non sembra avere a disposizione un numero di unità lavorative sufficiente a coprire la gestione delle aree chiuse oltre a quella delle aree di parcheggio a raso.

In sostanza, un passaggio obbligato che condurrebbe comunque all'emissione di un bando, i cui termini non dovrebbero in definitiva discostarsi da quanto anticipato dal sindaco Paolo Foti a inizio dicembre. Si tratterebbe quindi di un bando sperimentale nel senso che limiterebbe l'affidamento al periodo di un anno per valutare l'andamento di una nuova forma di gestione che si tradurrebbe nella guardiania, manutenzione e pulizia delle aree dove si pensa di installare dei parcometri come è stato fatto lungo le strade delimitate da strisce blu, per le quali l'assegnatario dell'appalto si vedrebbe corrispondere una quota percentuale degli introiti, mentre la restante parte verrebbe incassata direttamente da Acs.

Destinatarie del bando, ancora le cooperative sociali di tipo B, iscritte all'albo regionale alla data di pubblicazione del bando, ma non ci sarà garanzia di continuità per il personale occupato in precedenza fino allo scorso ottobre, dal momento che la clausola di salvaguardia non sarà obbligatoria per il nuovo gestore.

Nella commissione che valuterà le proposte presentate in risposta al bando, insieme allo stesso Greco, dovrebbero esserci il segretario generale dell'ente di piazza del Popolo insieme a un dirigente o un funzionario comunale da individuare.

Intanto, è concluso il lavoro di ricostruzione della situazione finanziaria della società e l'amministratore Greco si appresta a consegnarne l'esito all'amministrazione comunale entro una settimana, avendo acquisito nel corso dell'ultimo mese copia degli atti di documentazione contabile della società che il Tribunale aveva sequestrato nell'ambito dell'inchiesta risalente al 2015 sui contratti di affidamento del servizio di gestione dei parcheggi. La cifra relativa al debito maturato dalla società dovrebbe attestarsi sui circa 800mila euro di perdite indicati in vista del consuntivo 2015, mai approvato, dal precedente amministratore Amedeo Gabrieli.

Commenta l'articolo

© Riproduzione riservata

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy
Partly cloudy

13°C

Avellino

Partly cloudy
Humidity: 73%
Wind: SSW at 6.44 km/h
Friday
Mostly cloudy
7°C / 21°C
Saturday
Mostly sunny
11°C / 21°C
Sunday
Partly cloudy
10°C / 15°C
Monday
Partly cloudy
8°C / 16°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore