Con una manifestazione carica di emozione si è tenuta questa mattina alla Caserma intitolata al Generale Gabriele Berardi di Avellino la cerimonia di avvicendamento al comando del 232° Reggimento Trasmissioni dell’Esercito tra il Colonnello Francesco Pacillo e il Colonnello Antonio Iurato.


Un momento per tirare un bilancio delle numerose attività svolte, che il Colonnello Pacillo ha colto per salutare il reparto che ha guidato per più di un anno e mezzo, maturando un’esperienza della quale sottolinea soprattutto il valore umano. Alla presenza del Generale di Brigata Luigi Carpineto, Comandante della Brigata Trasmissioni, il colonnello parla di «un periodo intenso» e ringrazia «soprattutto il Sottufficiale di Corpo e per il suo grande entusiasmo il Caporal Maggiore Pellegrina Caputo», che recentemente a Mungyeong in Corea del Sud ha conquistato la medaglia d’argento nel lancio del peso alla 6° Edizione dei Giochi Mondiali del Consiglio Internazionale dello Sport Militare.
Un saluto innanzitutto personale, quindi, nel quale non sfugge un cenno al lavoro svolto in oltre un anno di comando, conducendo attività di addestramento e operative propedeutiche all'impiego in Libano e per l’operazione nazionale "Strade Sicure" a Caltanissetta e Crotone. Il reparto di stanza alla caserma Berardi, infatti, opera sia sul territorio nazionale, sia in diversi scenari internazionali, la seconda Compagnia del Battaglione "Legnano" ad esempio è prossima alla partenza per il Libano, ed è «un sicuro punto di riferimento – commenta il Colonnello Pacillo - nell’ambito delle Forze armate».
«Ho avuto la conferma che la tecnologia non potrà mai sostituire l’uomo», afferma ancora il Colonnello, prima di citare «l’ineguagliabile generosità e l’appassionata professionalità» incontrata alla Berardi. «E’ stato per me un onore maturare un’esperienza che sarà la parte più preziosa della mia carriera». Quindi, esprime «gratitudine ai familiari, per l’insostituibile supporto che ha garantito la cornice di serenità senza la quale sarebbe stato difficile svolgere il mio compito. Al Colonnello Iurato auguro di raccogliere le stesse soddisfazioni».

GALLERIA FOTOGRAFICA (CLICCA SULL'IMMAGINE)

Anche il Generale Carpineto, dopo il «saluto deferente alla Bandiera di Guerra del Reggimento e l’omaggio ai caduti che sono qui insieme a noi in maniera ideale», si rivolge direttamente agli uomini e alle donne schierati nel piazzale della caserma per l’occasione, una rappresentanza di tre compagnie del 1° Battaglione Trasmissioni "Legnano" cui si affiancano tre compagnie del 2° Battaglione Trasmissioni "Fadalto", frutto della riconfigurazione del reggimento avviata il 1 ottobre scorso. A presentare la forza all’inizio della cerimonia il Comandante del 1° Battaglione Marco De Luca Saggese.
«Siete le pedine fondamentali del reparto - dice loro il Comandante della Brigata Trasmissioni -. Non starò a dire quante operazioni avete fatto». Poi rivolgendosi al Comandante uscente: «Qui lascerai la tua seconda famiglia, ma sei stato alla guida di una Ferrari, che non è cosa da tutti, e hai anche vinto». Quindi al Comandante Iurato: «Ho avuto l’occasione di conoscerti, so che salirai a bordo di questa Ferrari, ne prenderai i comandi e saprai portarla a nuovi traguardi».
A questi del resto si prepara il reparto, che come accennato attraversa una fase importante di potenziamento, con l’arrivo di nuove unità che proseguirà progressivamente per un certo tempo. La stessa struttura della caserma si appresta a ospitare nuove costruzioni, dopo la ristrutturazione avviata già da diverso tempo.
Segno che il ruolo del Reggimento è destinato a crescere, rafforzando anche il radicamento nel territorio e il rapporto con la città. Non a caso alla cerimonia, introdotta dalla Banda del 1° Reggimento Granatieri di Sardegna, sono presenti i gonfaloni della Provincia di Avellino e dei comuni di Altavilla Irpina e di Lapio che hanno conferito al reggimento la cittadinanza onoraria. Immancabile la presenza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, oltre alle massime autorità: dal Prefetto Carlo Sessa al sindaco della città Paolo Foti, dal Procuratore della Repubblica Rosario Cantelmo al il Colonnello Franco Antonio Maria Di Pietro, Comandante Provinciale dei Carabinieri, accompagnato dal comandante della Compagnia di Avellino il Maggiore Francesco Mortari, dal Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Alessio Barbarulo al Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Dolores Curto. Presente anche il referente provinciale del Coni Giuseppe Saviano, oltre a diverse personalità.
«Sono felice e orgoglioso, usando anche il nome del mio corso, di essere alla Berardi – afferma il Colonnello Iurato – in questo reparto che è di punta nell’Esercito Italiano e ad Avellino, dove già ho prestato servizio nel ’92 da giovane tenente per sei mesi, fra una popolazione che conosco e in una citta che ricordavo bene e ho ritrovato meglio. L’obiettivo è continuare l’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore, anche perché considerando l’attuale scenario internazionale e l’organizzazione dell’Esercito nell’ambito della Difesa con le ristrettezze che ci sono state, questo Reggimento è stato addirittura rinforzato con un altro Battaglione e quindi puntiamo a essere ancora più incisivi».

Nato a Messina il’11 aprile del 1969, il Colonnello Iurato, proveniente dal 169° Corso “Orgoglio” dell’Accademia Militare di Modena, è stato nominato Sottotenente dell’Arma delle Trasmissioni in servizio permanente il 1° settembre 1989.
Ha completato l’iter formativo presso la Scuola di Applicazione di Torino (1989 – 1991) e successivamente ha frequentato il corso Tecnico Applicativo presso la Scuola Trasmissioni di Roma.
Assegnato inizialmente al 231° Reggimento fanteria “Avellino” (1992) con l’incarico di Comandante di Plotone, è stato successivamente trasferito al 45° Battaglione Trasmissioni di San Giorgio a Cremano (NA) dove ha ricoperto l’incarico di Comandante di Plotone (1992-1995).
Assegnato al Reparto Comando della Brigata Meccanizzata “Aosta” di Messina, ha ricoperto nel tempo gli incarichi di Comandante della Compagnia trasmissioni e Capo Sezione Addestramento ed infine Aiutante Maggiore/Capo Sezione Maggiorità e Personale.
Dopo aver frequentato il 126° Corso di Stato Maggiore (1999-2000), è stato assegnato al Comando della Brigata Meccanizzata “Aosta”, dove ha prestato servizio fino al 2006 svolgendo nel tempo gli incarichi di Capo Sezione INFOSEC e Capo Sezione Piani e Operazioni nell’ambito dell’Ufficio C4.
Dopo aver frequentato il 9° corso ISSMI presso il Centro Alti Studi per la Difesa (2006 – 2007), è stato assegnato all’Ufficio Sicurezza e Informazioni dello SME (2007-2009), dove ha ricoperto l’incarico di Ufficiale addetto ed anche Capo Sezione in s.v. della Sezione Sicurezza Informatica.
Nel luglio 2009 ha assunto il comando del Battaglione Trasmissioni “Leonessa” in Civitavecchia e l’anno successivo è stato assegnato allo Stato Maggiore della Difesa - VI Reparto “Sistemi C4I e Trasformazione” (2010-2015), ove ha svolto l’incarico di Capo Sezione Studi, Architetture ed Interoperabilità ed a seguire l’incarico di Capo Sezione Requisiti di Sicurezza in seno all’Ufficio Sicurezza Sistemi.
Dal 23 ottobre 2015 assume il Comando del 232° Reggimento Trasmissioni in Avellino.
Nel corso della sua carriera, ha partecipato alle seguenti missioni in Teatro Operativo:
- Joint Guardian Operation, Communication Zone West, Ufficiale Addetto J6 Division;
- MNBSW, Kosovo, Prizren, Chief CISCC J6 Division;
- NHQT, Albania, Capo Cellula S6/INFOSEC;
- Joint Enterprise, MNBW, Cte Task Force C4;
ed altre nazionali, in qualità di Ufficiale Responsabile delle Trasmissioni, nell’ambito della “Operazione Riace” e “Vespri Siciliani”.
Fra i principali corsi che ha frequentato, si elenca:
- 1° Corso in Telecomunicazioni, SMD;
- 1° Corso Basico per Specialisti PSOs (Osservatore e Controllore Militare);
- 1° Corso di Management della Sicurezza ICT, SMD;
- 18° Corso INFOSEC, SMD;
- APMG - International ITIL Foundation Examination;
ed, oltre al Master in studi Strategico Militari presso la LUISS Roma, ha conseguito la:
- Laurea in Scienze dell’Informazione, Università degli Studi di Milano;
- Laurea in Scienze Strategiche, Università degli Studi di Torino.

Il Colonnello Iurato è insignito delle seguenti onorificenze:
- Croce d’oro per anzianità di servizio militare;
- Medaglia d’argento al merito di Lungo Comando;
- Croce commemorativa per le operazioni di salvaguardia delle libere istituzioni e di mantenimento dell’ordine pubblico, per l’operazione “Riace” e “Vespri Siciliani”;
- Croce Commemorativa per le operazioni di pace (missioni 2000, 2002, 2004 e 2009);
- Medaglia commemorativa NATO – Kosovo, 2000 e 2002;
- Medaglia commemorativa NATO – Kosovo, 2004 e 2009, non articolo 5;
- Decorazione Slovena per la cooperazione.

È sposato con la signora Debora ed ha una figlia, Barbara.

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Partly cloudy

13°C

Avellino

Partly cloudy
Humidity: 38%
Wind: NNE at 17.70 km/h
Tuesday
Sunny
2°C / 8°C
Wednesday
Scattered showers
1°C / 10°C
Thursday
Scattered showers
5°C / 10°C
Friday
Mostly cloudy
6°C / 13°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore