Il presidente Domenico Biancardi, insieme all’avvocato Brigida Cesta e al consigliere provinciale Girolamo Giaquinto, è stato ricevuto questa mattina dal presidente del Tribunale di Avellino, dottore Vincenzo Beatrice, che ha immediatamente accolto la richiesta di incontro per discutere delle questioni relative al processo “ex Isochimica”, tuttora in corso presso l’aula bunker del Palazzo di Giustizia di Napoli.


Nel corso del confronto sono state ribadite le difficoltà che incontrano gli ex lavoratori dello stabilimento a seguire le udienze a Napoli e, allo stesso tempo, gli obblighi da rispettare per poter celebrare il processo, garantendo tutte le parti. In tal senso, si rende necessario l’utilizzo di un’unica struttura che abbia le caratteristiche (superficie, sistemi di sicurezza, impiantistica) per assicurare lo svolgimento delle udienze.
Pur nella massima disponibilità di ognuno, è emersa l’impossibilità di soddisfare tali esigenze, in considerazione del fatto che nel patrimonio della Provincia non esistono strutture rispondenti a questi requisiti.
Su suggerimento del presidente del Tribunale, dottore Beatrice, il presidente Biancardi ha dato la propria disponibilità a sostenere un servizio di trasporto agli ex lavoratori Isochimica in occasione delle udienze a Napoli. Inoltre, l’avvocato Cesta ha preannunciato istanza per chiedere un potenziamento del numero delle stesse udienze.

 

© Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Privacy Policy
Mostly sunny

13°C

Avellino

Mostly sunny
Humidity: 42%
Wind: NNE at 8.05 km/h
Tuesday
Sunny
2°C / 8°C
Wednesday
Scattered showers
1°C / 10°C
Thursday
Scattered showers
5°C / 10°C
Friday
Mostly cloudy
6°C / 13°C

Ultimi articoli

Irpinia Focus

Direttore Responsabile

Roberta Mediatore

Redazione: Corso Europa, 22

83100 Avellino 

Telefono: 0825 21358

FAX: 0825 1805359

 Mail: redazione@irpiniafocus.it

Registrazione al Tribunale di Avellino n. 3/14 del 25/03/2014 

Il Prisma Comunicazione Editore

© IrpiniaFocus 

Vietata la riproduzione anche parziale

senza inequivocabile autorizzazione scritta del direttore